Oggi Ettoreantonacci.com compie 6 anni.

Devo assolutamente cambiarlo. Testi vecchi, non ottimizzato SEO.

Sapete già in lungo e in largo quanto ami quel bambino.

Sapere anche quanto è forte il suo inflesso su di me, su un uomo che diciamolo, è nell’80% dei casi inopportuno (lo so che ci sono molti momenti in cui non mi sopportate, vi capisco).

Ma con lui il mio cuore si illumina a festa, come in una orrida festa di paese o come nei fuochi di artificio di quella cozzalata della festa di San Nicola (siamo solo dei cafoni di paese noi baresi, lo sapete).

Anzi i lati belli del covid sono questi. Niente festa di san nicola. Niente cene in bianco.

Ma oggi voglio fare un servizio utile alla società.

Diciamocelo: nel 2021 fare un bambino è una cosa O da ultimi della società (se fatto sotto i 35), o da vecchi (che solitamente abbinano la prima visita alla prostata alla foto di rito dell’ecografia. Reato di cui mi sono macchiato anche io, sia ben chiaro).

Vado per punti.

Un Ettore NON:

ruba tutto il tempo
fa perdere gli amici
fa sparire le passioni
si lamenta la sera nei locali. se lo fai essere parte della serata. (Se stai leggendo e hai un figlio e dai il cellulare con Youtube a tuo figlio, sappi che insegnandogli a fumare gli faresti meno male. Li mortacci tua.)
ti impedisce di viaggiare per il mondo. In qualsiasi momento, a partire dai 4 mesi (si, Ettore è stato a londra a 4 mesi)

Un Ettore TI:

garantisce il lato sorridente della vita, quello che noi perdiamo mediamente a 22 anni, la prima volta che pronunciamo la parola “carriera”
fa ridere. Ma non perchè è buffo. Ma perchè ha i tuoi stessi gusti e propensioni (e grazie, sei il suo esempio, avrà gli stessi gusti)
garantisce un introito mensile sotto forma di assegni familiari
segue ovunque. Se sei pronto a farti seguire (e occhio, per avere questo, non basta un Ettore ma serve una Marika)

Quindi vi do solo un solo stupido consiglio.

Se siete in bilico, se avete paura della posizione lavorativa, se pensate “e cosa gli daremo da mangiare”…. fatelo, lo stesso.

Se non ve ne frega niente, vi capisco. Non siamo tutti uguali. Vivete la vostra vita, tranquilli.

Ma se siete in bilico, fatelo.

In futuro, ringrazierete Ettore.

Che oggi fa 6 anni, e diventa ogni giorno più meraviglioso.

Non posso spiegarvelo a parole.
Vediamoci, e parlateci 15 minuti. Capirete anche voi.

Firmato: il suo papà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.